Caro Babbo Natale

images-1

 

Anche quest’anno è arrivato alla fine.
Sono accadute tante cose. Molte belle, interessanti, emozionanti, divertenti e ricche di significato. Altre meno belle, noiose, tristi e poco interessanti.
Come ogni anno. E intanto un altro anno ce lo portiamo addosso, scritto sulla pelle, negli occhi, nelle mani, e per chi, come me, canta, anche nella voce.
Ogni anno aggiunge un’impercettibile sfumatura a tutto ciò che facciamo, nella vita normale e ancora più nell’arte.
Caro Babbo Natale, la mia richiesta di quest’anno è questa.
Che io possa essere sempre più sensibile a tradurre in musica e in arte tutto quello che mi scorre addosso, che mi permea l’anima e la mente, sia da un punto di vista personale, sia globale. Perché chi desidera ascoltarmi possa ricevere qualcosa che, a sua volta, possa far parte di sé, andandosi ad aggiungere alle sue percezioni, alla sua sensibilità, a ciò che gli scorre addosso e nel cuore. Perché l’artista non fa arte per farsi dire quant’è bravo, ma per regalare qualcosa a chi concede una parte del suo tempo, e anche spesso un biglietto, a fermarsi ad ascoltare, a guardare, ad osservare, a farsi emozionare da chi è sul palco.

Tantissimi auguri di Buon Natale a tutti, artisti, amanti dell’arte, indaffarati, attenti, distratti. Tantissimi auguri a chi mi ascolta spesso e a chi non mi ha mai ascoltato, a chi ha visto i mei quadri, a chi non li ha mai visti, a chi sa che oltre a cantarle spesso le canzoni anche le scrivo, e a chi non lo sa e non si è mai posto il problema.

Tanti auguri amici.
Anna Rubini 



Caro Babbo Nataleultima modifica: 2015-12-24T23:22:41+01:00da annarub
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.